Condizionatore: qualche consiglio per risparmiare sui consumi

Pubblicato il da ghisu in Fai affari, Risparmiare, Risparmiare in casa

L’uso di un climatizzatori e condizionatori durante i periodi più afosi dell’estate sono una necessità di cui difficilmente si può fare a meno perché rimedi indispensabili per superare la stagione più calda. Ma e c’è un ma, lo sappiamo tutti, tenerli sempre accesi costa e non poco, per cui è facile ritrovarsi con delle bollette elettriche non proprio così simpatiche. Contro il consumo dei condizionatori allora possiamo mettere in atto alcune utili strategie anti-spreco.

Uno dei primissimi suggerimenti che ci viene di darvi è quello di impostare la temperatura dei condizionatori in modo corretto. “La scoperta dell’acqua calda” direte voi, ma non è proprio così scontato per tutti impostare la temperatura corretta. Infatti molto di frequente il condizionatore viene messo al massimo senza particolari accorgimenti con la convinzione che così si arrivi velocemente a temperature molto basse.

Ma mettere i condizionatori al massimo è sbagliato per due ragioni: salute e costi. Una temperatura così bassa non fa bene al nostro corpo e nemmeno al nostro portafoglio. La soluzione è quindi quella di controllare la temperatura esterna ed impostare il condizionatore di conseguenza: bastano 5 gradi in meno per stare già molto meglio. Altro aspetto importante riguarda la deumidificazione. Spesso viene confusa con caldo e afa ma la temperatura c’entra poco: è l’umidità il problema.

In tal caso, quindi, piuttosto che abbassare vertiginosamente le temperature dei condizioni bisogna attivare la la funzione di deumidificazione. Un’idea sbagliata è, poi, quella di tenere il condizionatore sempre acceso pensando di risparmiare. Non è così. Bisogna spegnerlo ad esempio nelle ore notturne per un ulteriore risparmio sui costi della bolletta. Infine, forse non c’è più bisogno di dirlo ma l’acquisto di un condizionatore di classe energetica A è d’obbligo!

Ti è piaciuto quest'articolo?