Inbound Marketing, quello strano…

Pubblicato il da Claudia Lemmi in Guadagnare online, Guadagna con il tuo sito, Fai affari, Vendere on-line

No, in realtà l’Inbound Marketing non è proprio niente di strano. Solo il termine può risultare un po’ criptico per i non addetti al mestiere. Ma, al termine di questo articolo, avrete capito non solo cos’è, ma che in fin dei conti questa tecnica di marketing hai già avuto modo di percepirla anche tu a giro per il web…

Quante volte accendendo la tv avete maledetto le pubblicità che vi impedivano di vedere il vostro film/programma preferito in santa pace? Quante volte avete trovato decisamente sconveniente il ripetersi delle telefonate da parte di alcuni operatori che volevano a ogni costo vendervi qualcosa?

Beh, questo non è inbound marketing. Anzi, è l’esatto contrario. Questa strategia di marketing ha come obbiettivo quello di smettere di “rompere” al potenziale cliente con messaggi pubbliciatari, venditori porta a porta, telefonate insistenti… lo scopo dell’inbound marketing è che sia il cliente ad arrivare dritto da voi perché interessato ai vostri servizi!

Come?

Non vi dico che è facile, perché proprio non è vero. L’inbound marketing per prima cosa richiede una comunicazione non intrusiva e oggi, è dannatamente difficile riuscire a non invadere lo spazio altrui. Quindi dovete subito smetterla con questa strategia di bombardare il cliente di informazioni e pubblicità e iniziare a giocare di psicologia.

Il consumatore deve essere attratto da voi. Come? Da contenuti online e messaggi che lo incuriosiscono, che stimolano il suo interesse e lo spingono a fare un’azione molto importante: cercare di capire chi siete o qual è il vostro prodotto. Chi c’è dietro quelle parole? Mi può servire ciò che ha creato (e non ciò che sta cercando di vendermi a ogni costo!)? L‘inbound marketing non conosce forzature.

Forse, se vi trovate a leggere questo articolo, lavorate in qualche settore del web o forse, vi è capitato di acquistare un qualche servizio. Se così fosse, vi è mai capitato di cercare ad esempio un un’informazione su come si fa un bel logo e vi imbattevate nel sito di un freelance? Vi è mai capitato di acquistare alla fine il suo prodotto?

Anche se non vi è mai successo di vivere una situazione analoga, immaginatela. Questo è inbound marketing. Voi avete trovato il professionista cercando un qualcosa che vi interessava, siete arrivati sulla sua pagina perché aveva precedentemente creato un articolo utile sull’argomento e alla fine, avete acquistato da lui un prodotto. Il professionista non ha fatto pubblicità di nessun tipo, ha solo creato contenuti interessanti che attraevano utenti. Uno di questi ha acquistato.

Ha seguito una strategia di marketing non invasiva, ha lavorato per vie traverse e il cliente è convinto di averlo trovato, senza rendersi conto che c’è riuscito solo perché è il professionista che ha fatto in modo che fosse possibile il contatto! Semplicemente, inbound marketing!

Ps: con questa guida non sono entrata in tecnicismi e l’argomento spiegato così può risultare un po’ troppo semplicistico, ma è solo un’introduzione per far capire a grandi linee di cosa si parla! Prossimamente approfondiremo e cercheremo di capire quali sono alcune delle strategie per fare inbound marketing.

 

Ti è piaciuto quest'articolo?